Aprigliano, coronavirus: 5 morti nella residenza per anziani “Villa Bianca”

Cinque morti nella Residenza sanitaria per anziani “Villa Bianca” di Aprigliano, dove i primi contagi sono stati riscontrati a metà mese, quando la struttura è stata posta in isolamento con una ordinanza del sindaco, Alessandro Porco. Il primo decesso si è verificato giovedì della scorsa settimana, l’ultimo ieri mattina. Una situazione drammatica, maturata nel breve volgere di poco più di una settimana. La situazione permane grave. Dopo un controllo sanitario disposto dall’Asp di Cosenza, cinque degenti, in condizioni preoccupanti, sono stati trasportati in ospedale. Il ricovero si è reso necessario anche per il proprietario della struttura (privata), Alberto Morelli, bisognoso, come gli altri, di ossigenoterapia. Fino a ieri, la notizia dei decessi è stata mantenuta (inspiegabilmente) sotto silenzio dalle fonti ufficiali. L’ultimo report dell’Asp, risalente a qualche giorno fa, esponeva 23 casi, mentre il Comune ne registrava complessivamente 41, compresi quelli di “Villa Bianca”. Allo stato, relativamente alla Rsa, i soggetti positivi sono 26: 15 tra i pazienti (compresi i cinque ospedalizzati), 11 tra medici e operatori (infermieri e oss). Si trovano tutti in isolamento sotto attiva sorveglianza medica.