Beni per 1,5 milioni sequestrati a marito e moglie nel Crotonese

Crotone – Beni mobili e immobili per un valore complessivo di un milione e mezzo di euro sono stati sequestrati dai Carabinieri al 53 anni, ritenuto il capo dell’omonima cosca del Crotonese, e alla moglie di 39 anni. Il provvedimento, richiesto dalla Procura antimafia di Catanzaro e disposto dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale del capoluogo calabrese, è stato eseguito dai carabinieri della Procura della Repubblica di Catanzaro insieme ai militari della compagnia di Petilia Policastro. Fra i beni sequestrati 109 unità immobiliari, tra terreni e fabbricati, un’azienda agricola con relativo compendio aziendale di proprietà della 39enne, un trattore, un rimorchio agricolo, alcuni fabbricati non censiti al catasto, un’autovettura, 23 capi di bestiame, un conto corrente. Il sequestro è scattato nell’ambito di una più vasta azione di contrasto alle cosche attuata nel territorio crotonese dalla Dda di Catanzaro, coordinata dal procuratore Nicola Gratteri e dai sostituti Paolo Sirleo, Domenico Guarascio e Pasquale Mandolfino. Proprio in questo contesto, nel dicembre scorso, il 53enne e la moglie erano stati arrestati dai Carabinieri su disposizione della Dda che al termine di un’indagine aveva scoperto come la cosca si fosse impossessata di oltre cento terreni, per un totale di 50 ettari, nel territorio di Roccabernarda sottratti con la forza ai legittimi proprietari; per questo i coniugi sono accusati di associazione di tipo mafioso, estorsione, invasione di terreni, falsità ideologica e materiale, trasferimento fraudolento di valori e danneggiamenti aggravati dal metodo mafioso. Nel processo scaturito dall’operazione “Trigarium”, il 53enne è stato condannato a 24 anni e sei mesi di reclusione per associazione mafiosa e come mandante di un omicidio.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.