Calabria: piano dei medici di famiglia per la campagna di vaccinazione

I medici di famiglia pronti a partecipare alla vaccinazione dei calabresi over 80. Segretario regionale della Federazione Medici di Medicina Generale non mostra ritrosie nell’illustrare il quadro e accettare la sfida. «Noi siamo disponibili anche se occorre tenere conto di alcuni problemi pratici. Problemi che contiamo di risolvere e, a tal proposito, domani mattina presenterò alla Regione Calabria il nostro progetto d’intervento. I medici di famiglia appaiono fondamentali nella campagna di vaccinazione perché conoscono i pazienti, uno per uno, in tutti i centri piccoli e grandi della Calabria. Per i singoli operatori della Asp sarà problematico raggiungere in tempi celeri paesi lontani dai grandi centri urbani e dalle principali vie di comunicazione. In questo caso i medici di famiglia svolgeranno un ruolo determinante. Se verremo dotati delle dosi che necessitano credo che, nel giro di due mesi, potranno essere vaccinate tute le persone ottantenni e ultraottantenni. Ciascuno, però, dovrà ben sapere cosa fare. Mi spiego meglio: la Protezione civile dovrà trasportare nei singoli luoghi le dosi necessarie che saranno affidate ai medici di famiglia. I sindaci e le Aziende sanitarie provinciali dovranno offrire tutta la loro collaborazione per favorire le operazioni. Quanto abbiamo stabilito, attraverso una mappatura precisa di luoghi, pazienti e numero di vaccini necessari, che comunicheremo al prefetto Guido Longo, consentirà di offrire un’azione straordinariamente efficace. Si tratta, però, di agire con celerità e buona organizzazione». Al responsabile regionale fa eco il segretario provinciale di Cosenza, Antonio D’Ingianna: «A integrazione di quello che è il piano regionale e per organizzare meglio il territorio, non sarebbe sbagliato ricorrere ai Centri operativi comunali, i cosiddetti “Coc”, che si attivano in caso di grandi emergenze» afferma D’Ingianna. «L’attivazione dei Coc è specifica della gestione delle emergenze e vede intorno al tavolo la figura del sindaco, della Protezione civile, delle associazioni di volontariato, delle forze dell’ordine e degli operatori sanitari. Ciò», sottolinea il dirigente della Fimmg, «permetterebbe da subito non solo la corretta gestione dell’anagrafica e la rilevazione dei cittadini fragili che necessitano della somministrazione del vaccino a domicilio, ma anche l’individuazione delle grandi strutture, palestre polifunzionali etc., per garantire la vaccinazione in sicurezza, perché, rimarca D’Ingianna, non dobbiamo dimenticare che siamo ancora in piena emergenza Covid».

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.