Cocaina dal Sud America, 9 arresti: perquisizioni a Reggio e Messina

Cocaina dritta dal Sud America sotto l’egida della ‘ndrangheta e destinata alle piazze dello spaccio in Emilia Romagna e in Toscana. Questo il quadro accusatorio dell’operazione che dall’alba ha visto impiegato cento carabinieri che hanno eseguito 9 misure cautelari e 12 perquisizioni tra le province di Bologna, Firenze, Reggio Calabria, Messina e Viterbo per traffico, detenzione e spaccio di stupefacenti, ed intestazione fittizia di beni. Le indagini sono state condotte dal reparto operativo del comando provinciale dei carabinieri di Bologna e coordinate dalla locale direzione distrettuale antimafia. Al centro dell’inchiesta una ramificata consorteria di soggetti a vario titolo organici o contigui – questo il quadro accusatorio – ad alcuni dei più noti casati della ‘ndrangheta calabrese, attiva nell’importazione di rilevanti quantitativi di stupefacenti, soprattutto cocaina, provenienti dal Sud America e destinati alle piazze emiliano-romagnole e toscane. Le indagini hanno consentito, tra l’altro, di documentare struttura ed assetti organizzativi interni della consorteria, articolata su una base logistico operativa principale nel capoluogo emiliano ed una cellula distaccata strategicamente in un paese della provincia di Firenze. Gli indagati, secondo la ricostruzione degli investigatori, utilizzavano i più moderni dispositivi di comunicazione, resi disponibili da qualificati contatti di matrice albanese.