Coronavirus all’Annunziata di Cosenza: ospedale vicino alla resa

Le ambulanze sfrecciano con le sirene accese e quel lamento, ogni volta, è come un pugno nello stomaco. Sono dirette tutte lì, all’“Annunziata” che da giorni mostra segni di sofferenza con reparti pieni e pronto soccorso sotto assedio. La sanità cosentina si è arresa alla dittatura del virus. Da due giorni il reparto di emergenza-urgenza del presidio provinciale anti-covid è la linea di confine tra la vita e la morte. Dentro quelle stanze, ieri sera c’erano 30 pazienti positivi con sintomatologia più o meno grave e altri dieci con patologie non covid. Tutti in coda per un posto in corsia.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.