Coronavirus nel Cosentino: tracciamento saltato e focolai in aumento

Gli ultimi argini della resilienza territoriale stanno franando anche qui, nel Cosentino dove la vita è sempre stata pianta dura, forte, capace di sopravvivere alle sciagure. Colpa del virus e dell’improvvisazione d’un sistema sanitario che naviga a vista dopo dieci anni di commissariamento. Il morbo ieri è sembrato stanco di correre (appena 58 nuovi casi di giornata, diventati 59 in serata, con una contrazione di poco inferiore al 50% rispetto ai casi censiti 24 ore prima), con tanta voglia di rifiatare ma l’impressione è che la frenata stia solo nei numeri dell’Asp sempre più in affanno nel sistema di tracciamento dei casi attivi in tutta la provincia. Del resto, la task force è tenuta in vita soprattutto dal lavoro delle Usca, unità di continuità assistenziali istituite, però, per occuparsi dell’assistenza ai pazienti asintomatici o paucisintomatici in isolamento fiduciario in casa.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.