In Calabria 29 intimidazioni ai sindaci in sei mesi

Diminuiscono gli atti intimidatori nei confronti dei sindaci e degli amministratori locali, anche se le minacce non sono solo più fisiche e verbali ma viaggiano anche sui social. È quanto emerge dal rapporto semestrale dell’Osservatorio costituito al Viminale proprio per monitorare l’andamento e l’evoluzione del fenomeno sul territorio, favorire e potenziare lo scambio di informazioni tra lo Stato e gli enti locali, individuare gli strumenti di contrasto e le migliori strategie per la prevenzione. Secondo i dati del ministero dell’Interno, nel primo semestre del 2020 gli atti intimidatori sono stati 319 contro i 336 dello stesso periodo dell’anno scorso, con una flessione che si attesta al 5.1%. Un trend che, dice il Viminale, sembra confermarsi anche nel terzo trimestre, che fa registrare 143 episodi contro i 182 dei tre mesi precedenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.