Lamezia: attese, nomine e cambio di guardia alla Sacal

Lamezia Terme – È tempo di scadenze in seno alla Sacal, la Società di gestione degli aeroporti calabresi. L’appuntamento è di quelli che non possono di certo passare inosservati anche in virtù delle recenti notizie negative provenienti da Bruxelles in merito alla perdita di una consistente parte di finanziamenti per la realizzazione della nuova aerostazione di Lamezia che, come è noto, risulta essere il 12esimo scalo più importante d’Italia, classificato come aeroporto strategico e che pertanto necessità di una struttura rinnovata e all’altezza della posizione conquistata. A Lamezia, infatti, sono previste punte massime di tre milioni di passeggeri. A parte lo scalo della Piana, la Sacal e il suo management dovranno poi pensare a mandare avanti gli scali di Reggio e Crotone che, rispetto a Lamezia, sono in perdita da sempre e che dovranno comunque avere una spinta per rilanciare le rispettive zone di competenza. Sono giorni di cambi e di nomine, dunque, a cominciare da quelle regionali che riguardano anche la Sacal giacché, l’Ente Regione detiene il 10% delle quote societarie. Così come c’è attesa per la nomina del rappresentante comunale di Lamezia e per gli altri componenti. Vale la pena ricordare che le quote della Società di gestione degli aeroporti calabresi sono detenute per 21% dal Comune di Lamezia; 10% della Regione Calabria, 22% da una Sas con a capo Renato Caruso e poi via via altri soci con piccole percentuali. Il Cda della Sacal, i cui componenti sono nominati dall’assemblea dei Soci, dura in carica per tre esercizi. Mandato in scadenza il prossimo 30 giugno. Tuttavia, nonostante le cattive notizie delle scorse settimane, di recente dalla Regione Calabria qualche spiraglio si è avuto. Il sindaco di Lamezia, Paolo Mascaro ha reso noto che, su sua richiesta, il Capo di Gabinetto della presidenza della Giunta regionale, Luciano Vigna avrebbe dato garanzia della disponibilità di tutte le risorse originariamente destinate allo scalo da parte della Regione, 25.938.066 euro. Il sindaco ha parlato anche di un’interlocuzione con la Santelli che avrebbe confermato l’impegno della Regione.