Lamezia, liceo “Galilei”: premio “Insegnante dell’anno, tra competenza, innovazione e umanità” ad Antonella Mongiardo

Lamezia Terme – “Insegnante dell’anno, tra competenza, innovazione e umanità”. È il titolo del premio che l’associazione culturale Azzurro Donna ha assegnato alla professoressa Antonella Mongiardo, docente di matematica al liceo scientifico “Galileo Galilei”. Il riconoscimento va, in particolare, al progetto “Matematica a distanza”, realizzato nei mesi di lockdown con una classe quinta del liceo scientifico, recensito dalla rivista Tecnica della Scuola. In attesa della consegna ufficiale, la coordinatrice provinciale di Azzurro Donna, Carolina Caruso, pedagogista sempre in prima linea nella valorizzazione delle eccellenze, spiega le motivazioni del riconoscimento alla docente lametina. “La matematica, come pure la fisica, dice Caruso, sono scienze molto simili alla letteratura, poiché bisogna avere molta immaginazione per generare l’invenzione. La matematica, anche se presuppone una risposta ai quesiti, più definitiva che approssimativa, rimane sempre la disciplina più amata dagli antichi filosofi. Al di là delle formule usate, ognuno può scegliere un proprio personale metodo per giungere al risultato. Tale abilità non è innata, ma può essere appresa, perché la matematica è un linguaggio. Ed è questo il motivo per cui Azzuro Donna premia la professoressa Mongiardo, per l’originalità del progetto “Matematica a distanza” e per il successo del suo metodo di insegnamento, comprovato dai risultati Invalsi e dai brillanti risultati riportati dai suoi studenti negli esami di Stato, sia nel difficile anno della riforma che durante la didattica da remoto. Non solo le sue classi si sono distinte, ma, grazie alla capacità dell’insegnante di adottare un metodo personalizzato per ogni alunno, sono state indotte ad amare una disciplina ritenuta erroneamente arida e stanno conseguendo ottimi esiti anche all’università. Azzurro Donna, con questo premio, intende abbattere il muro del pregiudizio e della discriminazione, per rivendicare il diritto della futura generazione di donne di credere nella realizzazione di una carriera, quale è quella del professore, affascinante e di grande caratura intellettuale. Il vero orientamento verso un futuro gratificante è rappresentato dall’amore di chi, come la Mongiardo, sa infondere la consapevolezza del sapere con la lungimiranza dell’essere”. “Su di lei, dice Caruso, più che le parole parlano i fatti. E gli alunni. Come gli ex studenti delle classi VB e VD dell’a.s. 2018/2019 e la VD dell’anno scolastico 2019/2020, risultati tra le eccellenze, sia nelle prove Invalsi che all’Esame di Stato”. “Una buona insegnante si riconosce subito, dice Alessandra Molinaro , ti fa amare la propria materia, tiene ai propri alunni, instaurando con loro un bellissimo rapporto, mostra sensibilità nei confronti di chi è più debole e aiuta tutti allo stesso modo, senza lasciare indietro nessuno. Severa quando serve ma attenta, premurosa e disponibile. Tutte queste caratteristiche posso dire di averle trovate nella professoressa Mongiardo. È stato fin da subito un impatto positivo, tra progetti, schemi e metodi interattivi, capire la matematica diventava sempre più semplice, nonostante la difficoltà che aumentava! Grazie ad insegnanti come lei, e ai loro preziosi consigli, sono riuscita a capire quale fosse la mia strada”. “La prof. Mongiardo è stata mia docente di matematica durante l’ultimo anno di liceo scientifico – dice Lorenzo Zaffina – Entrare in sintonia con una classe quinta che non si conosce è sicuramente un compito delicato, che però la professoressa è riuscita ad assolvere in maniera esemplare. Si è subito creato un rapporto costruttivo e dinamico con noi studenti, e l’atmosfera che fin dal primo giorno si è instaurata in classe è stata caratterizzata da serenità e positività. Insuperabile l’energia della prof, che ha sempre saputo rendere le lezioni dinamiche e concrete. Alla base del suo successo vi è, comunque, un’impeccabile preparazione, che, aggiunta alla smisurata passione per la matematica, e all’affetto per i suoi studenti, rappresenta la ricetta perfetta per una super prof!”. “Tutti gli anni di liceo sono stati per me illuminanti, dice Ilaria Castanò, ma l’ultimo anno mi ha permesso di acquisire una vera autonomia: raccogliere dati, dedurre connessioni tra questi e giungere a conclusioni ragionate. Ed è questa maturità, misurata in tale forma di indipendenza, che mi è stata instillata dalla matematica e dal percorso scientifico per intero: un approccio non finalizzato alle materie di studio, liceali o universitarie, ma un approccio per la vita”. Antonietta Veneziano conferma: “La scelta di frequentare il liceo scientifico si è rivelata lungimirante. La preparazione che ho acquisito è stata fondamentale sia per superare il test di medicina, sia per lo studio universitario”. “Appassionarsi alla matematica, dice Alessia Torcasio, vuol dire essere pronti a superare una sfida ogni giorno. La matematica del Liceo è stata per me essenziale per prepararmi all’Università. Con la professoressa Mongiardo un altro aspetto interessante è stato comprendere le applicazioni della matematica nella vita pratica e in altre materie. Una grande soddisfazione, per la mia classe, è stata essere risultata tra le eccellenze Invalsi”. Secondo Aurora Guido, “La prof. Mongiardo è una persona di grande professionalità e disponibilità, che riesce a far capire agli studenti concetti matematici anche parecchio difficili in maniera semplice, precisa ed efficace, ripetendoli più volte, se necessario. Il suo metodo di insegnamento personalizzato si adatta alle esigenze dell’alunno e lo aiuta ad entrare in modo naturale nell’ottica della materia”. Giuseppe Dattilo racconta: “Studiare matematica con la prof Mongiardo è stata un’esperienza positiva. Infatti la prof., oltre ad essere molto preparata, è dotata di una grande sensibilità verso lo studente, sa mettere i ragazzi a proprio agio e crea con loro un bel rapporto. Riesce a semplificare argomenti complessi, insegna allo studente a ragionare e a capire tutto, formule, teoremi e dimostrazioni, senza imparare niente a memoria”. Tra le attestazioni di stima pervenute, vi è la testimonianza della preside Patrizia Costanzo: “La professoressa Mongiardo ha saputo abbattere nelle sue classi i pregiudizi sulla matematica; grazie al suo metodo, per certi aspetti ludico, moltissimi ragazzi si sono avvicinati con gioia a questa disciplina, scoprendo che si può imparare divertendosi”. “Il premio Azzurro Donna mi gratifica – dice Antonella Mongiardo – Ma la mia soddisfazione più grande è sapere che i miei studenti mi ricordano con gioia, affrontando gli studi superiori con autonomia e fiducia nei propri mezzi mentali. Il loro affetto è, per me, il premio più bello”. “La misura del valore di un insegnante risiede nella stima e nell’affetto dei suoi studenti – dice il sindaco Paolo Mascaro, Un plauso al progetto innovativo di matematica a distanza, di cui si è parlato a livello nazionale. È un onore per tutta la nostra città avere dei giovani così talentuosi e preparati in matematica e, tra i suoi docenti, una professionista come la professoressa Mongiardo, competente e onesta, capace di entusiasmare gli studenti e di incidere così profondamente nella loro crescita culturale e umana. Un plauso all’iniziativa di Azzurro Donna, che, valorizzando i talenti di casa nostra, contribuisce a dar lustro a Lamezia, alla provincia di Catanzaro e all’intera regione”.