Le scuole riaprono ma non per tutti: 600 studenti di Vibo senza aule

È allarme rosso sull’avvio dell’anno scolastico a Vibo Valentia. A cinque giorni dal ritorno degli studenti tra i banchi, c’è il rischio concreto che circa seicento allievi siano costretti a rimanere a casa. «Ben 21 classi del liceo Capialbi, infatti, che non trovano collocazione nella sede centrale, dovranno iniziare l’anno esclusivamente con la didattica a distanza». La denuncia arriva direttamente dal dirigente Antonello Scalamadrè che prende nuovamente carta e penna e scrive al principale inquilino della Provincia Salvatore Solano, al prefetto Francesco Zito, alla governatrice Jole Santelli e al direttore dell’Usr Maria Rita Calvosa. Si tratta della punta di un iceberg, rispetto ad uno scontro che dura dal cuore dell’estate e che rischia di infiammare gli animi delle famiglie e degli studenti, quando ormai il riavvio delle attività didattiche è alle porte.