Ospedale Cosenza: corsie a numero chiuso e pochi tamponi:

Più del Coronavirus, a spaventare la Calabria è la capacità dei suoi ospedali a fronteggiare, in caso di nuovo sbocco epidemico, i pazienti critici, quelli bisognosi di approcci terapeutici speciali in ospedale. Pochi i posti nelle malattie infettive (all’“Annunziata” di Cosenza ce ne sono appena 34 e dieci sono già occupati), pochissimi quelli nelle terapie intensive (considerato che la popolazione di Cosenza e provincia è superiore ai 700mila abitanti e, attualmente, disponibili ci sono solo sei letti all’“Annunziata”). Il Covid-19 ha ripreso a correre anche alle nostre latitudini e la sanità pubblica non sembra avere i numeri adeguati a contrastare una nuova potenziale diffusione dell’epidemia.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.