Perseguitavano una donna: allontanati madre e figlio nel Reggino

Oppido Mamertina (Reggio Calabria) – Avrebbero perseguitato per anni una donna, con minacce e violenze, per ragioni sentimentali. A madre e figlio, rispettivamente di 48 e 25 anni, i carabinieri di Oppido Mamertina hanno notificato una misura di divieto di avvicinamento emessa dal Tribunale di Palmi, con l’accusa di atti persecutori e lesioni personali. I due, secondo quanto emerso dalle indagini dei militari, dal 2017, a causa di dissidi privati legati a questioni sentimentali, avevano preso di mira la donna al punto di ingenerarle un perdurante e grave stato d’ansia e paura per la propria incolumità, costringendola a cambiare le proprie abitudini di vita. La vittima, da allora, era stata fatta bersaglio da parte dei due “stalker” di continue ingiurie e intimidazioni sia in pubblico sia a mezzo telefono. In particolare i due le avevano “promesso” anche di danneggiarle l’autovettura e addirittura di sfregiarla con l’acido. Dalle minacce madre e figlio sono realmente passati ai fatti, arrivando ad aggredire fisicamente la donna con spinte, pugni e perfino un bastone, tanto da costringerla a ricorrere alle cure mediche.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.