PresaDiretta in Calabria: “Senza medicina del territorio si muore”

Roma – Le telecamere di Presadiretta arrivano in Calabria per un servizio intitolo “C’era una volta la sanità pubblica”: un viaggio nella sanità calabrese tra assenza di medicina del territorio, strutture ridimensionate e mancanza di cure. Il servizio è andato in onda lunedì sera su Rai3. PresaDiretta ha attraversato la regione dove, dopo 11 anni di commissariamento la sanità regionale è in ginocchio e indebitata come prima. Un viaggio tra storie che denunciano l’impossibilità di screening e cura delle malattie oncologiche, l’assenza della medicina del territorio, il pendolarismo sanitario al quale sono obbligati i cittadini calabresi che non hanno la possibilità di pagarsi le cure in privato, i cantieri dei nuovi ospedali fermi da anni, il grande progetto delle Case della Salute già finanziato ma mai decollato. In particolare, è emerso dal servizio, a San Giovanni in Fiore, sulle montagne della Sila, se non fosse arrivata l’“Unità mobile di mammografia e pap test”, tante donne non avrebbero potuto fare la mammografia. Il dottor Francesco Lanzone è il responsabile screening dell’azienda sanitaria della provincia di Cosenza. Da luglio fa avanti e indietro con San Giovanni in Fiore per sottoporre a mammografia tutte le donne che ne hanno diritto. Il servizio nel camper ha funzionato anche in questi mesi di pandemia. Perché, hanno sottolineato tante donne “Senza medicina del territorio semplicemente ci si ammala di più e si muore di più, non solo di Covid, più del Covid… come in Calabria”. A portare avanti questa battaglia, l’associazione “Donne e diritti” che ha conquistato, grazie alla loro unione e a tanta determinazione, il camper salvando così la vita a molte donne. Una sanità pubblica messa a dura prova anche quando le strutture sanitarie funzionano. Presadiretta ha ripercorso la storia del consultorio pubblico di Melito Porto Salvo, in provincia di Reggio Calabria, che ha sempre lavorato bene ma con il tempo ha visto il ridimensionamento della struttura e il taglio del personale. E ancora, la storia di Luciano Roto. Nel 2016 è caduto in casa da una scala e ha riportato una lesione al midollo che lo ha immobilizzato. Per sopravvivere ha bisogno di assistenza continua. Una sanità così fragile ha retto a stento l’onda d’urto del covid che si è abbattuta in autunno. A Piscopio, frazione di Vibo Valentia, ci sono persone che dalla fine di dicembre sono ancora bloccate in casa in attesa dei risultati dei tamponi. A raccontare, “C’era una volta la sanità pubblica”, Riccardo Iacona con Elena Stramentinoli.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.