Promosport resta capolista solitaria

Lamezia Terme – Si interrompe in piena zona cesarini la striscia di vittorie consecutive della Promosport. Lametini raggiunti al 92’ nonostante abbiano giocato gli ultimi 55’ in doppia superiorità numerica. Bicchiere decisamente mezzo vuoto, quindi, per Scozzafava e compagni che comunque mantengono la testa solitaria in virtù del concomitante pareggio della più immediata inseguitrice Juvenilia in casa della Denis Bergamini Rossoblù. Occhio però alla Rossanese che dista si quattro lunghezze dalla vetta ,ma con una gara in meno. Ma veniamo più nello specifico alla gara disputatasi ieri pomeriggio sul mal ridotto manto erboso del “Marco Lorenzon” di Rende. Al 18’ i padroni di casa passano con Nicoletti, lesto ad inserirsi sul fronte d’attacco sinistro, penetrare in area e battere Restina , di piatto, sul secondo palo. Sebbene il terreno di gioco non agevoli certo la manovra palla a terra, la Promosport reagisce. Alla mezzora sgroppata di Villella che pennella in area dove Russo, all’esordio stagionale dal primo minuto, schiaccia di testa a colpo sicuro trovando la respinta con le mani di Cordua, nell’occasione sostituitosi al portiere. Espulsione del numero sette locale e penalty che Russo però spedisce abbondantemente fuori. L’errore dagli undici metri non demoralizza i biancazzurri che 3’ dopo trovano ugualmente il pari. Scambio tra Villella e Russo che appoggia all’indietro per l’accorrente Scozzafava la cui botta, quasi dall’altezza del dischetto, non dà scampo a Rocca S.. Ci prova anche Corigliano senza inquadrare lo specchio. Poco dopo i rendesi restano in nove a causa del secondo giallo rimediato da Tomasi. A inizio ripresa mister Morelli, visti i due uomini in più, toglie un difensore (Porpora) per inserire un altro attaccante (Percia Montani), ed i risultati paiono arrivare quando, al 19’, Colosimo realizza il 2-1 con un gran tiro dalla distanza. Poco dopo torna alla difesa a quattro con l’ingresso di Morabito. I locali decidono di rischiare il tutto per tutto lasciando, di fatto, giusto due elementi a protezione del portiere. Al 35’ i lametini hanno la palla per chiuderla, ma Percia Montani, di testa, spreca malamente non inquadrando lo specchio. Nel frattempo viene espulso per proteste anche il tecnico del Villaggio Europa, nonché ex calciatore della stessa Promosport, Micieli. Restina deve sfoderare un grande intervento su una precisa inzuccata di un avanti gialloverde. Il Villaggio Europa getta continuamente palle in area ospite, ma presta inevitabilmente il fianco alle ripartenze di Scozzafava e compagni i quali però peccano di sufficienza ed egoismo nei tre davanti. Si arriva così al 47’ allorquando Matteo Gagliardi, incappato in una giornata poco felice, sgambetta ingenuamente un avversario in piena area. Sul dischetto va Prete, Mercuri, subentrato pochi minuti prima a Restina, respinge sia il primo tiro che il successivo tentativo di ribadire in rete del numero diciotto rendese, ma deve arrendersi quando la sua seconda respinta va a sbattere sul fianco dello stesso Prete per insaccarsi. Davvero sfortunato l’estremo difensore lametino che si conferma comunque un para rigori.