Reggino piange altri 4 morti di covid: curva epidemica non sale più

Il picco dell’epidemia era atteso per il 27 novembre. Forse nell’area metropolitana di Reggio ha anticipato leggermente i tempi e la zona rossa decisa dal governo ha sicuramente influito positivamente sul contenimento dell’infezione. Ne è sicura, anche se non si sbilancia in avanti, l’Azienda sanitaria provinciale che sta predisponendo un monitoraggio costante dei contagi e negli ultimi giorni si sta assistendo a un appiattimento della curva epidemica. L’area metropolitana reggina è stata duramente colpita dalla seconda ondata di contagi con quasi tutti i Comuni interessati dall’epidemia da Covid-19. Ieri il bollettino regionale segnava altri 120 contagi con i casi attivi che si attestano a 3.567 e ulteriori 4 decessi con il totale che si fa sempre più pesante e tocca quota 63.