Sanità: slitta a stasera Consiglio dei ministri su commissario

Roma – La Calabria resta in attesa di conoscere il nome del prossimo commissario. Il quarto a in un mese. Dopo le dimissioni di Cotticelli e di Zuccatelli e la rinuncia di Gaudio di tre giorni fa, oggi il Consiglio dei ministri dovrebbe nominare colmare il vuoto amministrativo che si è venuto a creare nella regione. Secondo quanto si apprende, il Consiglio dei ministri previsto questa mattina alle 10:30 è invece slittato alle 19. Nel Cdm si discuterà il decreto ristori ter e lo scostamento di bilancio che potrebbe raggiungere i 10 miliardi. Ma si affronterà quasi sicuramente anche la questione Commissario. Al vaglio una rosa di candidati. Tra i nomi emersi in questi giorni, dopo la rinuncia dell’ex rettore de La Sapienza che nel spiegare le ragioni alla base di questa decisione come “motivi personali”, aveva precisato: “Mia moglie non ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro”. Con Gino Strada, invece, si ricorda, è stato raggiunto un accordo tra Emergency e la Protezione civile calabrese per curare diversi aspetti, come gli ospedali da campo nell’emergenza covid. Sul tavolo del Governo, spicca il nome di Federico Maurizio D’Andrea, 61 anni, nato a Cerchiara di Calabria, in provincia di Cosenza, ma milanese d’adozione. Con un passato trascorso nella finanza e l’esperienza da manager con il pallino per trovare i buchi dei bilanci di importanti società, è stato anche colonnello delle Fiamme gialle ai tempi di Mani pulite. “Avvertiamo forte la responsabilità di individuare un profilo adatto per il commissario alla sanità calabrese”, aveva detto Conte durante l’incontro del 19 novembre con i sindaci calabresi in protesta a Roma. Entro questa sera, quindi, la Calabria dovrebbe avere quindi un nuovo e, definitivo, Commissario ad acta per la realizzazione del Piano di rientro dai disavanzi del Servizio sanitario della regione Calabria.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.