Traffico internazionale di droga gestito da cosche della sibaritide

Catanzaro – Si chiama “Karaburun”, come una regione dell’Albania, e riguarda un consistente traffico internazionale di cocaina, eroina e marijuana importate in Italia da Albania, Turchia, Olanda, Spagna, Belgio, Kosovo, Macedonia, Croazia, Francia, Germania, Kosovo l’inchiesta per la quale la Dda di Catanzaro ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari a 237 persone tra italiani e albanesi. L’inchiesta è stata coordinata dal Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Salvatore Curcio, e dal sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Domenico Guarascio, mentre l’avviso di conclusione delle indagini é stato trascritto dallo Guarascio e dal sostituto procuratore Alessandro Riello. Il traffico di droga era gestito dalle cosche della sibaritide. Tra le accuse contestate agli indagati dalla Procura di Lamezia e dalla Dda vi è anche quella di avere prodotto e commercializzato illecitamente una mistura di paracetamolo e nitro caffeina, colorata artificialmente e usata per tagliare l’eroina.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.